The Next Generation Of IT Professionals Want More Than A Job

Vadim Vladimirskiy è il CEO di Nerdio e consente alle organizzazioni di distribuire, gestire e ottimizzare i desktop virtuali in Microsoft Azure.

Le aziende che vogliono ricoprire posizioni IT nel 2023 incontreranno senza dubbio un pool di candidati più scettici, chiedendosi se saranno sottoposti a un altro round di licenziamenti un anno dopo. La realtà è che i lavori IT sono ancora richiesti e, guardando oltre le attuali incertezze economiche, l’IT come carriera rimane praticabile con molti potenziali percorsi di carriera man mano che le moderne tecnologie si evolvono continuamente.

La prossima generazione di professionisti IT, la generazione Z (la più anziana ha 25 anni), è generalmente molto diversa dalla generazione dei Millennial (dai 26 ai 41 anni) che passa a livelli di carriera più maturi. Nel 2023, il reclutamento di professionisti IT dovrà ispirare i Gen-Zer che senza dubbio hanno domande sul futuro della loro carriera, visti i traballanti climi geopolitici e aziendali.

Ispirandoli a perseguire una carriera IT, raccoglierà messaggi che rispondono alla loro unica coscienza generazionale. Questi messaggi dovranno anche essere supportati da prove credibili che i tuoi dirigenti e i team di reclutamento sono impegnati in una cultura aziendale che incarni ciò a cui tengono (ad esempio, un percorso di carriera definito, modi per apprendere, opportunità di miglioramento delle competenze, supporto con problemi di salute mentale, diversità e sostenibilità).

Per affrontare queste sfide, puoi considerare due categorie intrecciate: comunicazione ispiratrice e dimostrare che la tua azienda ha le carte in regola per essere un datore di lavoro credibile e autentico.

Instillare il significato nell’IT

Handshake, un’azienda che effettua sondaggi tra neolaureati e studenti sui loro sentimenti legati al lavoro, osserva: “I membri della Generazione Z sono appassionati di fare la differenza e vogliono lavorare in un posto che ritengono abbia una missione e uno scopo più ampi che siano in linea con i propri valori. non vogliono fare soldi solo per fare soldi, vogliono avere un impatto e non rimarranno in un lavoro che non li soddisfa.

Il messaggio qui è che per ispirare una recluta o mantenere un valido impiegato, l’ispirazione deve derivare dal significato. La maggior parte dei dipendenti della Gen-Z apprezzerà il tempo necessario per raccontare una storia autentica su dove il tuo prodotto o tecnologia si inserisce nel quadro più ampio.

L’IT è il motore dell’innovazione mondiale, che abilita nuovi modelli sanitari come la telemedicina, supporta la ricerca biotecnologica, migliora la sostenibilità e aiuta le persone a migliorare se stesse con strumenti per alleviare lo stress, connettersi e crescere. Assenti da qualsiasi clamore o dichiarazioni grandiose, le reclute desiderano ardentemente un quadro chiaro dell’impatto che la tua azienda spera di avere o sta già avendo.

Dimostra che è ancora una buona casa

I Gen-Zer e i millennial più giovani sono generalmente molto consapevoli dell’economia della vita quotidiana, poiché molti di loro sentono gli effetti dell’inflazione su budget limitati, aspettano i rinvii dei prestiti studenteschi e si chiedono se qualche lavoro li manterrà davanti a altre sfide economiche.

Questa generazione inoltre non accetterà l’inerzia della carriera come opzione; il datore di lavoro che scelgono deve offrire un chiaro percorso di promozione e maggiori opportunità di apprendimento. Vogliono possedere i progetti su cui lavorano e, durante questo viaggio, vogliono tutoraggio e feedback che li aiutino ad andare avanti nella loro carriera.

Microsoft, ad esempio, offre il Microsoft Aspire University Track, un programma biennale di apprendimento e sviluppo per laureati progettato per aiutarli ad accelerare la crescita professionale e scoprire nuove opportunità di lavoro. Oltre ad Aspire, offre programmi di rotazione del lavoro, assistenza per le lezioni, corsi tecnici e gestionali online e di persona e il proprio TechFest per i dipendenti.

Date le aspettative della Gen-Z, come puoi ispirare le reclute IT a unirsi alla tua azienda? Alcune domande che i dirigenti IT, le risorse umane e il C-suite devono porsi sono:

• Possiamo mostrare dati numerici che il tipo specifico di tecnologia che forniamo è su un percorso di crescita nel mercato e che la domanda di lavoro e le promozioni saranno in espansione nella nostra azienda e nel settore industriale in generale?

• Abbiamo esempi concreti di come si presenta un percorso di carriera nella nostra organizzazione e di avanzamenti di lavoro che si sono verificati?

• Qual è la nostra strategia di miglioramento delle competenze? Offriamo corsi di apprendimento a pagamento online? Sosteniamo le opportunità di apprendimento esterno con aiuti finanziari?

La trasparenza è un altro attributo chiave che molte reclute cercano. Ad esempio, le aziende dovranno essere in grado di dimostrare che stanno offrendo equità salariale.

Infine, sebbene vi sia attualmente una correzione di rotta nelle assunzioni e nei licenziamenti in alcune delle principali aziende di marca, le prospettive di assunzione nel settore tecnologico a lungo termine sono positive. Secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti: “Si prevede che l’occupazione complessiva nelle professioni informatiche e informatiche crescerà del 15% dal 2021 al 2031, molto più velocemente della media per tutte le occupazioni”. Questa crescita dovrebbe tradursi in quasi 700.000 nuovi posti di lavoro in tale arco di tempo. È un messaggio da includere nelle conversazioni di assunzione.

Prendi un impegno interno per l’ispirazione e l’educazione

La prossima generazione di reclute sarà ispirata a unirsi alla tua azienda quando vedranno che condividi l’ispirazione nel sostenere la diversità e i programmi inclusivi, quando puoi dimostrare un vero impegno per la sostenibilità e quando mostri empatia per le loro esigenze di tutoraggio e sviluppo professionale.

Nella sua analisi sulla Gen-Z, Deloitte scrive: “Per attrarre la Gen-Z, i datori di lavoro devono essere pronti ad adottare una velocità di evoluzione che corrisponda all’ambiente esterno. Ciò significa sviluppare solidi programmi di formazione e leadership, con un’attenzione reale e tangibile alla diversità .” .”

Essere aperti a potenziali candidati non tecnologici, di varie età, che mostrano una passione per l’apprendimento è un’altra buona strategia. Questi dipendenti possono iniziare come personale di supporto tecnico IT e infine salire nella scala aziendale. Imparare l’IT dall’interno può fornire maggiore empatia e comprensione del modo in cui le persone (tecnologiche e non) utilizzano la tecnologia. Le persone non tecnologiche possono anche identificare modi per migliorare la tecnologia, data la loro esperienza nel mondo reale.

I Gen-Zer e i millennial più giovani hanno molte aspettative che i potenziali datori di lavoro devono soddisfare. Pensalo non come altro lavoro da fare per te, ma come un modo per aiutare la tua azienda ad assumere con successo i migliori e i più brillanti della prossima generazione.


Il Forbes Technology Council è una community solo su invito per CIO, CTO e dirigenti tecnologici di livello mondiale. Mi qualifico?


.

Leave a Comment