A fast-growing segment of psychology is landing grads jobs in Corporate America

DI SamBecker29 dicembre 2022, 18:58

I pendolari arrivano alla stazione e al centro commerciale Oculus a Manhattan, come visto nel novembre 2022 a New York City. (Foto di Spencer Platt/Getty Images)

Per decenni, i ricercatori hanno esaltato i vantaggi dell’investimento in lavoratori e dipendenti, qualcosa che un numero crescente di datori di lavoro ha iniziato a prendere più seriamente. La pandemia ha accelerato la tendenza, poiché milioni di dipendenti hanno lottato con il lavoro a distanza, gli obblighi familiari, i problemi di salute e altro ancora. Le persone erano e rimangono stressate e ansiose, e questo è qualcosa che può influire sulle loro prestazioni lavorative e, in definitiva, sui profitti dei loro datori di lavoro.

Pertanto, molti datori di lavoro hanno aumentato gli investimenti nella loro forza lavoro, inclusa l’aggiunta di nuovi elementi ai pacchetti di benefici, l’adozione di accordi e orari di lavoro più flessibili e, in alcuni casi, coinvolgendo professionisti qualificati per contribuire a migliorare il morale e le condizioni generali. Tali ruoli possono essere ricoperti da psicologi organizzativi industriali, che si concentrano sull’intersezione tra affari e psicologia e in genere possiedono un master in psicologia con una concentrazione in questa specialità.

La scienza della psicologia dell’organizzazione industriale (spesso chiamata psicologia “IO”) non riguarda solo l’implementazione di codici di abbigliamento lassisti, la ricerca di spazio nel budget per i tavoli da ping-pong in ufficio o il convincere la direzione a provvedere al pranzo. Piuttosto, questi psicologi si concentrano maggiormente sul benessere dei dipendenti nel suo complesso, che può aiutare le aziende a trattenere i talenti, promuovere ranghi di dipendenti più forti e più dedicati e, in definitiva, risparmiare denaro che potrebbe altrimenti essere speso reclutando e competendo per più lavoratori.

La psicologia IO, come professione, sta sbocciando e potrebbe essere un biglietto per un campo di carriera relativamente ben retribuito e in crescita per gli studenti di psicologia.

‘Lavoro importante e necessario’

La psicologia dell’organizzazione industriale non è esattamente un campo nuovo, ma sta prendendo piede in molti settori, secondo Tara Behrend, collega e presidente eletto della Society for Industrial and Organizational Psychology e professore associato alla Purdue University.

“La psicologia dell’IO risale a circa 110 anni fa”, afferma Behrend. “Il lavoro è stato svolto principalmente nelle università, ma è diventato molto influente in ambito militare. Durante gli anni ’60, l’utilizzo di IO psych in contesti professionali ha preso davvero piede”, afferma, aggiungendo che l’era dei diritti civili ha portato le preoccupazioni sull’equità nelle ricerche di lavoro in cima alle menti dei lavoratori.

Il campo della psicologia IO si è ulteriormente ampliato da allora. “Stiamo lavorando su una vasta gamma di questioni, tra cui lo stress e il burnout dei dipendenti, la salute e il benessere, la soddisfazione sul lavoro, la progettazione e la valutazione della formazione”, afferma Behrend. Inoltre, “un’enorme parte del lavoro” ora comporta lo sviluppo di leader attraverso l’executive coaching, che richiede una solida base nei metodi di ricerca più avanzati, aggiunge.

Quei metodi di ricerca avanzati, radicati nei dati e nelle prove e conclusioni empiriche e misurabili, stanno aiutando la psicologia dell’IO a trovare un ruolo più permanente nell’America aziendale. Molti datori di lavoro attenti al budget potrebbero aver deriso l’idea di assumere uno psicologo per prendersi cura del benessere dei propri dipendenti in passato, ma con un numero crescente di prove e dati che suggeriscono che gli investimenti nel capitale umano pagano, è diventato più facile convincere i leader aziendali che i costi sono giustificati.

“C’è un crescente riconoscimento tra i datori di lavoro e gli imprenditori che possono fare meglio nel mercato competitivo se si concentrano sulla psicologia del posto di lavoro”, afferma Dennis Stolle, direttore senior della psicologia applicata presso l’American Psychological Association.

La maggiore attenzione alla psicologia nei luoghi di lavoro sta persino portando alla creazione di ruoli completamente nuovi all’interno degli strati aziendali, afferma Stolle. “Negli ultimi cinque anni, abbiamo visto la creazione di nuovi posti di lavoro, a volte posizioni di livello C, e hanno titoli che, un decennio fa, nessuno avrebbe mai sentito nominare, come ‘chief people officer’ o ‘ direttore della gestione dei talenti”, afferma. “La creazione di queste posizioni ad alti livelli mostra il livello di riconoscimento che c’è stato tra il management aziendale che questo è un lavoro importante e necessario”.

Pertanto, negli ultimi anni c’è stata una crescita della domanda di psicologi IO. Il numero di posti di lavoro per gli psicologi IO dovrebbe crescere nei prossimi anni e gli stipendi stanno già spingendo verso le sei cifre, secondo i dati del Bureau of Labor Statistics. A partire dal 2021, gli psicologi IO guadagnano uno stipendio medio di oltre $ 105.000.

Come diventare uno psicologo I.O

Con una crescente domanda di psicologi IO in vari settori, ciò ha anche reso questo percorso professionale più attraente per alcuni studenti di psicologia. Dopotutto, una carriera che implica aiutare le aziende a diventare più efficienti, migliorando anche la vita dei lavoratori, è sicuramente una carriera che gratta un prurito per molti professionisti.

La strada principale per diventare uno psicologo IO comporta il conseguimento di una laurea in psicologia e quindi il conseguimento di un master all’interno della sottodisciplina della psicologia industriale-organizzativa. Esistono programmi in numerosi college e università negli Stati Uniti ed è probabile che ne verranno progettati e implementati altri con l’aumento della domanda.

“La psicologia è una delle major universitarie più popolari negli Stati Uniti, qualcosa come 100.000 studenti studiano psicologia alla ricerca di una laurea in un dato anno”, afferma Stolle, aggiungendo che i programmi di master specifici per IO sono ancora relativamente pochi e rari.

“È vero che la psicologia è un importante popolare”, afferma Howard Tokunaga, coordinatore del programma di master in psicologia IO presso la San Jose State University. “Ma stiamo assistendo a un segmento crescente di laureati che non vogliono esercitare come clinici o terapisti, quindi la psicologia IO può essere un percorso per gli studenti che vogliono lavorare”. [on a different track]piuttosto che condurre la terapia.

Il programma SJSU in genere produce più di una dozzina di laureati all’anno e “quando si diplomano, il 90% di loro occupa posizioni a lungo termine o permanenti, principalmente nel settore privato”, afferma Tokunaga. Aggiunge che i laureati del programma sono per lo più contenti della loro decisione di perseguire anche la psicologia dell’IO, poiché possono “aiutare le persone e avere un impatto sulle organizzazioni”.

Come molti altri percorsi di carriera, diventare uno psicologo IO richiede una certa istruzione ed esperienza lavorativa sul campo, che la maggior parte degli studenti può ottenere mentre è a scuola. E dato il crescente appetito per gli psicologi IO, è probabile che i laureati possano trovare lavoro subito dopo la laurea.

Forse la cosa più importante, dice Tokunaga, è una carriera appagante, non quella che comporta semplicemente il controllo delle caselle sui moduli. C’è un lato olistico, che mette in contatto i laureati con l’elemento umano nei contesti organizzativi e che può portare a cambiamenti reali, sani e duraturi sia per i lavoratori che per le imprese.

“C’è bisogno di persone che possano entrare, sviluppare e condurre iniziative, sistematicamente ed empiricamente—[businesses] Vogliamo persone che abbiano buone idee, tecniche e conoscenze”, afferma. I miei alunni sono felici. A loro piace quello che stanno facendo e si sentono realizzati.

Scopri tutto Fortuna’s classifiche dei corsi di laurea e saperne di più su specifici percorsi di carriera.

Leave a Comment