My job isn’t fulfilling and I only do it for the paycheck — is that bad? Here are 3 reasons why ‘boring work’ could be best

Il mio lavoro non è appagante e lo faccio solo per lo stipendio – è così male? Ecco 3 motivi per cui il “lavoro noioso” potrebbe essere il migliore

La vecchia frase “fai ciò che ami e non lavorerai un giorno in vita tua” è carina, ma anche i professionisti appassionati ammetteranno che non tutto ciò che riguarda il loro lavoro è divertente e appagante.

In effetti, in questi giorni, molti lavoratori si sentono esauriti o addirittura annoiati.

Ciò è particolarmente vero per milioni di americani che ora si sentono dentro per lo stipendio e poco altro. E non è necessariamente perché sono indifferenti o “smettono tranquillamente”.

Piuttosto, potrebbero essere su qualcosa, intenzionalmente o inconsapevolmente: il lavoro noioso, sia per il datore di lavoro che per il dipendente, potrebbe essere il migliore per la loro felicità. Ecco perché.

Da non perdere

Equilibrio vita-lavoro

Un recente studio del fornitore di assicurazioni complementari Aflac ha rilevato che quasi il 60% dei lavoratori ha sperimentato un burnout almeno moderato, suggerendo che l’allentamento della pandemia di COVID-19 non ha migliorato molto la loro situazione.

La pandemia ha indotto una grande riconsiderazione degli obiettivi di vita e del valore percepito del lavoro tradizionale, portando alle Grandi Dimissioni e lanciando allarmi nelle aziende che ora sono costrette a prestare maggiore attenzione all’equilibrio tra lavoro e vita privata.

Gli intervistati dello studio di Aflac hanno riportato un calo delle prestazioni lavorative, con circa il 46% che afferma che il proprio lavoro ha sofferto nell’ultimo anno e più della metà dei datori di lavoro intervistati sa che i problemi di salute mentale hanno contribuito al calo della loro produttività.

Ma mentre i datori di lavoro potrebbero fare di più, un cambiamento di mentalità può aiutare i lavoratori a cavarsela da soli. Per molti dipendenti, pensare al lavoro solo come un mezzo per un fine potrebbe essere utile. Se le attività noiose possono essere completate bene e in tempo, potrebbe essere più facile eccellere nel lavoro di medio impegno, soprattutto sapendo che la ricompensa è uno stipendio che anima obiettivi più grandi fuori dall’ufficio.

Lavoro per il fine settimana e oltre

Non si può negare che il successo aziendale e imprenditoriale dipenda dalle passioni catalizzate da competenze, tenacia e iterazione incessante.

Suzy Welch – co-fondatrice del Jack Welch Management Institute – una volta scrisse che c’erano solo tre casi in cui qualcuno avrebbe dovuto lavorare “solo per lo stipendio”. Uno, ha detto, era la filantropia: “Gli ‘altruisti efficaci’ sono persone così impegnate nelle loro cause sociali che cercano carriere ben pagate principalmente per massimizzare la loro capacità di donare i loro guadagni. Ad esempio, potrebbe non dispiacerti lavorare una settimana lavorativa di 70 ore per finanziare un’iniziativa filantropica che sostieni.

Leggi di più: Le 10 migliori app di investimento per opportunità “irripetibili” (anche se sei un principiante)

Ma dietro widget di successo e tecnologie utili ci sono eserciti inattesi di dipendenti che apprezzano il loro lavoro ma lo considerano strettamente transazionale: ore di fatica in cambio di valuta che, a sua volta, finanzia le loro attività più personali e importanti.

Riformulando il lavoro “noioso” come vitale per il lavoro di beneficenza fuori orario o per il miglioramento personale, un dipendente può venire a patti con gli aspetti meno entusiasmanti del proprio lavoro comprendendone l’importanza per altre parti della propria vita.

Un lavoratore annoiato è un buon lavoratore, ha spiegato

La ricerca sostiene l’idea che la noia possa essere gratificante anche per i datori di lavoro.

Gli autori di uno studio per l’Academy of Management Discoveries hanno scoperto che la noia può generare picchi di creatività e portare all’innovazione, e gli psicologi generalmente concordano sul fatto che gli attacchi di noia possono spesso portare a guadagni di produttività.

“La nostra mente vaga e obiettivi e situazioni alternativi diventano improvvisamente salienti per noi”, ha scritto Andreas Elpidorou per un articolo di opinione intitolato The Bright Side of Boredom in Frontiers in Psychology. “Se la noia è paragonata a una trappola emotiva, è una trappola che per il suo stesso carattere fortunatamente ci ‘spinge’ a sfuggirne”.

I ricercatori affascinati dal ruolo della noia nello stimolare la creatività sono sempre più giunti a conclusioni simili: compiti vitali ma grigi alla fine portano i lavoratori a esplorare motivazioni o compiti che portano a nuove esperienze e opportunità.

Il che significa che sia per il lavoratore che per il manager, la noia può essere piuttosto eccitante.

Cosa leggere dopo

Questo articolo fornisce solo informazioni e non deve essere interpretato come un consiglio. Viene fornito senza garanzia di alcun tipo.

Leave a Comment