THE CANNABIS RESEARCH INSTITUTE IS COMING TO CHICAGO

Un primo nel Midwest, il nuovo centro sarà gestito dal Discovery Partners Institute

15 dicembre 2022 (CHICAGO) —La città di Chicago, Stato dell’Illinois, e il Discovery Partners Institute hanno annunciato oggi il lancio del Cannabis Research Institute, un centro unico nel suo genere nel Midwest che rafforzerà ulteriormente l’Illinois posizione globale come hub scientifico.

Il CRI sarà uno sforzo congiunto dello Stato e della città ospitato all’interno del DPI, che fa parte del sistema dell’Università dell’Illinois, per fornire un solido corpus di ricerche e dati per far progredire la conoscenza pubblica sugli impatti scientifici e socio-economici dell’uso di cannabis e produzione.

L’accordo consentirà al nuovo istituto di sfruttare gli uffici, il personale e le risorse di DPI a Chicago. Con un lancio programmato della CRI nei prossimi mesi, DPI ha avviato la ricerca di un direttore esecutivo.

“Questa è un’enorme opportunità non solo per promuovere Chicago come centro per la ricerca sulla cannabis molto richiesta, ma per espandere l’ampiezza della conoscenza e della scienza necessarie per plasmare la politica”, ha affermato il sindaco di Chicago Lori E. Lightfoot. “La nostra città è il luogo perfetto, in quanto ospita un impressionante centro di innovazione e università e istituzioni di ricerca di livello mondiale. Sfruttare e coordinare le risorse della nostra città per creare un centro di ricerca sulla cannabis di alto livello farà scalpore in questo nuovo settore e creerà un precedente nella ricerca sulla cannabis a livello nazionale”.

Chicago è un luogo ideale per la ricerca sulla cannabis, con le sue istituzioni accademiche e mediche di livello mondiale e un banco profondo di innovatori. Il CRI sarà il principale istituto di ricerca che cerca di promuovere l’equità e il desiderio di avere un mercato della cannabis basato sull’evidenza e guidato dalla ricerca.

“Sono entusiasta di annunciare il lancio del Cannabis Research Institute, un primo istituto nazionale che crea ricerche attuabili per informare il processo decisionale basato sui dati e far progredire la conoscenza pubblica sugli impatti della cannabis”, ha affermato il Governatore JB Pritzker. “Non riesco a pensare a un posto migliore dell’Illinois per questa impresa. Siamo il cuore del Midwest e in prima linea nella legalizzazione della cannabis, il tutto mentre smantelliamo gli effetti a lungo termine della guerra alla droga sulle nostre comunità “.

Nonostante l’enorme sostegno pubblico alla legalizzazione della cannabis terapeutica e ricreativa, la cannabis rimane illegale a livello federale e il governo federale mantiene politiche e regolamenti restrittivi sulla ricerca sulla salute, sui danni o sui benefici dei prodotti a base di cannabis.

Di conseguenza, la ricerca sugli effetti sulla salute della cannabis è stata limitata negli Stati Uniti, privando i pazienti, gli operatori sanitari, i consumatori e i responsabili politici delle prove di cui hanno bisogno per prendere decisioni valide in merito al suo utilizzo.

La CRI promuoverà partenariati e collaborazioni con diverse parti interessate, inclusi rappresentanti dello Stato dell’Illinois e della città di Chicago, per garantire che la ricerca sulla cannabis informi la regolamentazione e la politica per proteggere la salute e la sicurezza pubblica; stimolare il progresso medico, scientifico e tecnologico; e affrontare le questioni della società sugli impatti di nuovi mercati e politiche.

Per raggiungere questo obiettivo, DPI riunirà e guiderà un gruppo di ricerca che riunisce istituti di ricerca, agenzie governative, imprese e comunità.

“Ora abbiamo anni di esperienza nella creazione di team di ricerca tra discipline e istituzioni”, ha affermato Bill Jackson, direttore esecutivo di DPI. “Siamo entusiasti di creare nuovi territori e partnership, conducendo ricerche che renderanno la nostra città più sicura e più sana e la nostra società più equa”.

La ricerca futura sarà ampia e coprirà argomenti sugli impatti sull’equità sociale, sugli effetti medicinali e sulla salute e sulle pratiche di gestione delle colture agricole. Gli argomenti di esempio includono: impatti sociali e comunitari della legalizzazione della cannabis; analisi del divario demografico dei programmi di cannabis terapeutica; efficacia della cannabis e dei cannabinoidi sulle condizioni mediche, come alleviare l’ansia e ridurre l’infiammazione; impatti sulla salute pubblica della legalizzazione dell’uso ricreativo di cannabis; e impianti vari miglioramenti in condizioni ambientali controllate.

La CRI darà inoltre priorità alla diversità, all’equità e all’inclusione creando un punto di ingresso nell’industria della cannabis per le persone di colore attraverso opportunità di ricerca (lavori di ricerca e idee di ricerca), migliori pratiche condivise per i partecipanti del settore (sia coltivazione che distribuzione), posti di lavoro e stage, collaborando con college e università storicamente neri per opportunità di ricerca, sostenendo la ricerca e la formazione con l’Illinois Vocational Cannabis Program (gestito dai City College di Chicago e altri Illinois Community College) e ospitando sessioni di istruzione locale in quartieri poco serviti.

La CRI sta lavorando a stretto contatto con il Cannabis Regulatory Oversight Officer, la Drug Enforcement Administration e altre agenzie di regolamentazione.

Leave a Comment