EMEA Morning Briefing: China Reopening Hopes May Boost Shares

IMBALLAGGI DI MERCATO

Guardare per:

Commercio al dettaglio dell’eurozona, riunione dei ministri delle finanze dell’eurozona; servizi dati PMI per zona euro, Germania, Regno Unito, Francia, Italia; Cifre di immatricolazione mensile nel Regno Unito, riserve ufficiali; aggiornamento commerciale da Ryanair

Chiamata di apertura:

Le azioni sembrano pronte per lievi guadagni all’inizio della settimana dopo che la Cina ha adottato misure per allentare le sue restrizioni Covid. I benchmark azionari e le materie prime sono saliti in Asia, mentre il dollaro si è indebolito e i rendimenti dei titoli di Stato sono aumentati.

Azioni:

I futures su azioni indicano un’apertura leggermente più alta lunedì a causa del miglioramento del sentiment, dopo che le autorità locali di tutta la Cina hanno ridotto alcune delle loro più severe misure di controllo del Covid-19.

Le azioni europee hanno chiuso venerdì scorso in modo contrastante dopo un rapporto inaspettatamente forte sull’occupazione negli Stati Uniti per novembre.

La resilienza dei dati sull’occupazione ha spinto gli investitori a scontare la prospettiva di un imminente forte rallentamento del ciclo di aumento dei tassi di interesse della Federal Reserve, ha affermato CMC Markets.

“Il rapporto sui posti di lavoro più forte del previsto di venerdì offre alla Federal Reserve ulteriori motivi per continuare ad aumentare i tassi di interesse e mantenere una politica monetaria più restrittiva più a lungo, almeno fino a quando il mercato del lavoro non inizierà a indebolirsi, il che è un segnale che il mercato non vuole sentire .” in questo momento”, ha affermato Robert Schein, chief investment officer di Blanke Schein Wealth Management.

Ma alcuni strateghi di mercato vedono un lato positivo.

“Il rapporto è uno sviluppo positivo per l’economia e aiuta a sostenere la tesi secondo cui la Fed potrebbe essere in grado di ottenere un atterraggio morbido nell’economia, un risultato contrario alle previsioni fatte da alcune delle più grandi banche della nazione negli ultimi mesi”, ha affermato. ha affermato Peter Essele, responsabile della gestione del portafoglio presso Commonwealth Financial Network.

“Il mercato del lavoro che rimane caldo continua a giustificare ciò che sta facendo la Fed”, ha affermato Nicole Webb, consulente finanziario presso Wealth Enhancement Group. “Non credo che cambi rotta rispetto all’aspettativa di 50 punti base a dicembre”, ha detto, “ma abbiamo davvero iniziato a chiederci fino a che punto deve arrivare il tasso terminale, per avere la distruzione della domanda che porta l’inflazione fino al 2%”.

Forex:

Il dollaro si è indebolito al ritorno della propensione al rischio in seguito all’allentamento delle restrizioni Covid in Cina.

Tuttavia, ANZ tiene d’occhio la riunione del FOMC della prossima settimana, osservando che la Fed potrebbe aumentare la sua proiezione del tasso terminale oltre il 5% anche se opta per un aumento minore di 50 punti base del tasso sui fondi federali.

“Se ciò accade, la domanda su cui stiamo riflettendo è: come andrà l’USD?” disse ANZ.

“Potremmo prepararci a un’epica battaglia tra i ‘recessionisti’ e gli ‘osservatori dei tassi’, il che fa presagire la volatilità dell’USD”.

Obbligazioni:

I rendimenti dei Treasury sono aumentati in Asia, dopo che il rendimento dei Treasury a 2 anni sensibile alla politica è salito venerdì ma ha chiuso la settimana in ribasso. Un rapporto sui posti di lavoro negli Stati Uniti più caldo del previsto per novembre ha spinto gli operatori ad aumentare la probabilità di un tasso sui fondi federali del 5% o superiore entro marzo.

“Sebbene la Fed possa rallentare i suoi aumenti dei tassi dallo 0,75% per riunione allo 0,50% per riunione, potrebbe anche esercitare pressioni su di loro per estendere ulteriormente tali aumenti dei tassi nel 2023”, ha affermato Jason Pride, chief investment officer di private ricchezza a Glenmede.

“Un tale percorso verso tassi più alti per più tempo dovrebbe frenare sia il reddito fisso che i mercati azionari”.

Leggi: Il robusto mercato del lavoro negli Stati Uniti aumenta le preoccupazioni su quanto dovranno aumentare i tassi di interesse

Energia:

I futures sul petrolio greggio sono saliti all’inizio di lunedì dopo che la Cina ha allentato alcuni dei suoi freni Covid.

Tuttavia, gli operatori potrebbero rimanere nervosi dopo che l’Unione Europea e il Gruppo delle Sette Nazioni hanno imposto un prezzo massimo di $ 60 al barile sul petrolio russo, che dovrebbe entrare in vigore questa settimana, ha affermato ANZ.

Anche le sanzioni europee sul petrolio russo entrano in vigore questa settimana, mentre l’OPEC+ ha preso la decisione di mantenere stabile la sua produzione, il che aumenta l’incertezza sull’offerta e la domanda di petrolio nei prossimi mesi, ha aggiunto ANZ.

Metalli:

I prezzi dell’oro sono aumentati in Asia, invertendo un precedente calo dopo un rapporto sui salari non agricoli “incredibilmente caldo”, ha affermato Oanda.

Il rapporto sui posti di lavoro inaspettatamente forte ha spinto il dollaro a salire e gli operatori hanno iniziato ad aumentare le aspettative di futuri aumenti da parte della Fed, ha aggiunto Oanda. Il calo dei prezzi dell’oro è stato ingiustificato, poiché l’inflazione è in costante calo, il che dovrebbe significare che la Fed rallenterà il ritmo dei suoi aumenti dei tassi.

I prezzi del rame sono aumentati, prolungando un recente rally tra le crescenti speranze per l’allentamento delle restrizioni alla pandemia in Cina.

ANZ ha affermato che molti investitori scommettono sulle aspettative di una domanda di rame nettamente più elevata dalla seconda economia più grande del mondo.

Ma l’ANZ ha avvertito di “segni di debolezza nel mercato fisico” e “ampia offerta” che ha spinto verso il basso i prezzi di alcuni contratti di rame e scorte portuali.

I prezzi del minerale di ferro dovrebbero essere sostenuti dalle sfide dell’offerta stagionale nei prossimi mesi, ha affermato Jefferies a seguito dei recenti guadagni nel prodotto siderurgico.

Il prezzo di riferimento del minerale di ferro è aumentato del 35% dall’inizio di novembre, sostenuto dai piani di Pechino per stabilizzare il mercato immobiliare cinese e allentare alcune restrizioni Covid.

“Anche i limiti di fornitura stagionale dovrebbero aiutare nei prossimi 2-3 mesi”, ha detto Jefferies, riferendosi alle forti tempeste che possono verificarsi in Australia e Brasile verso la fine dell’anno.

Nel frattempo, Yongan Futures ritiene che il sentimento ottimista rimarrà forte per qualche tempo, poiché i trader cercano una posizione per un previsto rimbalzo della domanda nella primavera del 2023.

Ma Yongan ha avvertito che gli investitori dovrebbero monitorare lo slancio per la produzione di acciaio, che è stata messa sotto pressione a causa della debole redditività.

   
 
 

I TITOLI PRINCIPALI DI OGGI

L’OPEC + mantiene i freni del petrolio nonostante il limite di prezzo della Russia

L’OPEC + ha dichiarato domenica che bloccherà gli attuali livelli di produzione, una pausa che suggerisce che i principali produttori di petrolio del mondo sono incerti sulla direzione dei prezzi del greggio con un tetto massimo sulle esportazioni di petrolio della Russia che entrerà in vigore.

La decisione di domenica consente all’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio e a un gruppo di produttori guidati dalla Russia, noti collettivamente come OPEC+, di prendersi più tempo per valutare l’impatto sul mercato di un prezzo massimo dell’UE e del Gruppo dei Sette, che ha lo scopo di ridurre Le entrate della Russia per la guerra in Ucraina. Blocca un taglio di produzione di 2 milioni di barili al giorno deciso a ottobre.

   
 
 

Dow brilla mentre i tassi più alti comprimono le azioni tecnologiche del Nasdaq

Il Dow sta battendo il mercato più ampio a un livello che non si vedeva da quasi un secolo.

Il Dow Jones Industrial Average è sceso del 5,3% quest’anno, il che normalmente non è motivo di festeggiamento. Ma quella performance sembra decisamente d’oro rispetto all’ampio S&P 500, che è in calo del 15%, e al Nasdaq Composite, pesantemente tecnologico, che è sceso del 27%.

   
 
 

La Cina allenta le restrizioni Covid mentre la rabbia pubblica ribolle

HONG KONG-Le autorità locali di tutta la Cina stanno riducendo alcune delle loro più severe misure di controllo del Covid-19, pochi giorni dopo che la rabbia dell’opinione pubblica si è trasformata in rare proteste contro un approccio di tolleranza zero che ha tenuto il paese in gran parte isolato per tre anni.

Nei giorni scorsi, i funzionari delle principali città, tra cui Pechino e altre aree in cui sono scoppiate le proteste una settimana fa, hanno affermato che stavano sollevando alcuni limiti ai movimenti dei residenti, ad esempio ponendo fine ai test Covid obbligatori per le persone che vogliono utilizzare i mezzi pubblici o entrare parchi e altri spazi pubblici.

   
 
 

Le aziende di software aziendali affermano che i clienti si stanno tirando indietro a causa delle preoccupazioni economiche

Le società di software aziendali affermano che i clienti sono più cauti con le loro spese in risposta a un’economia difficile, aggiungendosi all’elenco delle preoccupazioni del settore tecnologico.

Clienti di aziende come Salesforce Inc., Okta Inc. e CrowdStrike Holdings Inc. stanno impiegando più tempo per firmare accordi e in alcuni casi rallentando i loro piani di assunzione mentre cercano di proteggere i loro profitti, i fornitori di software hanno riferito la scorsa settimana. Questa tendenza ha creato prospettive nebulose per molti nel settore del software aziendale, un tempo in forte espansione, che ha beneficiato di anni di domanda poiché i clienti cercavano di utilizzare i prodotti per ridurre i costi e mantenere le proprie attività durante la pandemia.

   
 
 

Gli economisti pensano di poter vedere la recessione in arrivo, tanto per cambiare

Se l’economia si restringe il prossimo anno, nessuno dovrebbe essere sorpreso. Stiamo affrontando la recessione più ampiamente prevista nella storia e agli investitori non sembra importare.

La recessione in Europa e nel Regno Unito è già la media delle previsioni economiche, mentre la previsione media degli Stati Uniti per il prossimo anno è una crescita di un misero 0,2%, secondo Consensus Economics, la terza più bassa dal 1989.

   
 
 

L’inflazione deve essere ridotta fino al 2%?

“Perché l’inflazione deve essere intorno al 2%?” è una domanda che ossessionava i banchieri centrali quando l’inflazione era ostinatamente al di sotto del loro obiettivo preferito. Ha più senso chiederlo ora.

La scorsa settimana, una serie di dati ha suggerito che l’inflazione è finalmente su una tendenza al ribasso. L’indice dei prezzi delle spese per consumi personali degli Stati Uniti, esclusi cibo ed energia, la misura dell’inflazione preferita dalla Federal Reserve, ha registrato il secondo aumento mensile più basso dell’anno, anche se la spesa dei consumatori è aumentata e la crescita dell’occupazione è continuata. Nel frattempo, l’inflazione della zona euro è scesa al 10% a novembre, suggerendo che il 10,6% di ottobre è stato il picco.

   
 
 

Perché non riesci a trovare Wegovy, il farmaco dimagrante

Novo Nordisk A/S ha bocciato il lancio del suo nuovo farmaco dimagrante Wegovy, perdendo centinaia di milioni di dollari di vendite e sperperando un vantaggio prima che un rivale potesse iniziare a vendere un prodotto concorrente.

Wegovy fa parte di una nuova classe di farmaci che le autorità di regolamentazione sanitaria hanno approvato per ridurre il peso delle persone obese, un obiettivo a lungo ricercato da medici e pazienti. Il loro potenziale di perdita di peso è diventato una sensazione virale sui social media. Elon Musk ha twittato su Wegovy in ottobre. E un farmaco correlato per il diabete, Ozempic, è un argomento caldo a Hollywood tra le celebrità che cercano di rimanere magre, secondo i medici.

   
 
 

L’Iran scioglie la polizia morale, valuta la possibilità di modificare le leggi sull’hijab, afferma un funzionario

(ALTRO DA SEGUIRE) Dow Jones Newswires

05 dicembre 2022 00:22 ET (05:22 GMT)

Copyright (c) 2022 Dow Jones & Company, Inc.

Leave a Comment